• Aria notes
  • Portraits of Rossini
  • Rossini’s Residences
  • Samedis Musicaux Programs

1. La dichiarazione
per canto e pianoforte (Allegretto)
Testo di Pietro Metastasio (dal Siroe, 1726, aria di Emira, III/12)
Composto probabilmente nel 1834
Prima edizione: Ricordi, Milano 1834

Il testo è tratto da Siroe, re di Persia, musicato per la prima volta nel gennaio 1726 da Leonardo Vinci per il Teatro S. Giovanni Grisostomo di Venezia, e successivamente da Porpora, Porta, Vivaldi nonché da Haendel con libretto di Nicola Francesco Haym da Metastasio. Al Siroe appartiene anche il testo dei famosi Mi lagnerò tacendo musicati da Rossini, conosciuti sinora in più di venti versioni.

1. La dichiarazione
for voice and piano (Allegretto)
Lyrics by Pietro Metastasio (from Siroe, 1726, Emira’s aria, III/12)
Probably composed in 1834
First edition: Ricordi, Milan 1834

The text is from the Siroe, re di Persia [Siroe, king of Persia], composed in 1726 by Leonardo Vinci (first execution at the Teatro S. John Chrysostom in Venice) and later by Porpora, Porta, Vivaldi and also by Händel with a libretto by Nicola Francesco Haym from Metastasio.
The Siroe includes also the texts of Rossini’s Mi lagnerò tacendo, so far known in more than twenty versions.

2. À Grenade
Canzone spagnola per mezzosoprano e pianoforte, in Re minore (Allegretto moderato)
Testo di émilien Pacini
Composta intorno al 1861 con la dedica “Humble souvenir de reconnaissance offert À S. M. Isabelle II Reine d’Espagne”
Prima edizione: Escudier, Parigi 1863. Pubblicato sembra senza l’autorizzazione di Rossini
Edizione successiva: R. Stabilimento Naz. Musicale Tito di G. Ricordi, Milano, 1864: “Canzone spagnuola / parole italiane A.de Lauzières francesi émilien Pacini spagnole D.Ventura De La Vega / cantata da Adelina Patti”.

2. À Grenade
Spanish song for mezzo-soprano and piano, in Re minore (Allegretto moderato)
Lyrics by émilien Pacini
Composed in 1861, circa, with the dedication “Humble souvenir de reconnaissance offert À S. M. Isabelle II Reine d’Espagne”
First edition: Escudier, Paris 1863. Published apparently without Rossini’s authorization
Next edition: R. Stabilimento Naz. Musicale Tito di G. Ricordi, Milan, 1864: “Spanish song / Italian lyrics by A.de Lauzières French lyrics by émilien Pacini Spanish lyrics by D.Ventura De La Vega / sung by Adelina Patti”.

3. Arietta all’antica, dedotta dal O salutaris Hostia
per canto e pianoforte, in Fa minore (Andantino mosso)
Testo di Pietro Metastasio (dal Siroe, 1726, aria di Laodice, II/1)
Composta nel 1857
Autografo: Pesaro, Fondazione Rossini, n.7 dell’album Miscellanée de musique vocale (undicesimo album dei Péchés de vieillesse)

In origine composta per quattro voci a cappella sul testo dell’Inno Eucaristico di San Tommaso d’Aquino O salutaris Hostia, si è poi trasformata in una delle innumerevoli versioni del metastasiano Mi lagnerò tacendo.

3. Arietta all’antica, dedotta dal O salutaris Hostia
for voice and piano, in Fa minore (Andantino mosso)
Lyrics by Pietro Metastasio (from Siroe, 1726, Laodice’s aria, II/1)
Composed in 1857
Original autography: Pesaro, Rossini Foundation, n. 7 from the album Miscellanée de musique vocale (eleventh album of Péchés de vieillesse)

Initially conceived as an a cappella composition for four voices based on the Eucharistic Hymn of Saint Thomas Aquinas O salutaris Hostia, this piece was later transformed into one of the countless versions of Metastasio’s Mi lagnerò tacendo.

4. L’Amour à Pékin – Petite Mélodie sur la Gamme Chinoise
per contralto e pianoforte, in Do maggiore (Andantino mosso)
Testo di émilien Pacini
Composta nel 1867
Prima esecuzione: a Parigi, in casa Rossini, il 18 aprile 1868, cantata dal contralto Marietta Alboni
Autografo (Ded. “à mon ami Tobart Millionaire”): Pesaro, Fondazione Rossini, n. 5 deiMorceaux réservés (terzo album dei Péchés de vieillesse), con il titolo “L’Amour à Pékin / Petite Melodie sur la Gamme Chinoise - Pour Album”.

4. L’Amour à Pékin – Petite Mélodie sur la Gamme Chinoise
for contralto and piano, in C Major (Andantino mosso)
Lyrics by Émilien Pacini
Composed in 1867
First performance: in Rossini’s home in Paris on April 18, 1868, sung by contralto Marietta Alboni
Original autography (Ded. “à mon ami [to my friend] Tobart Millionaire”): Pesaro, Rossini Foundation, n. 5 of Morceaux réservés (third album ofPéchés de vieillesse), with the title “L’Amour à Pékin / Petite Melodie sur la Gamme Chinoise - Pour Album”.

5. Hai la sottana
per canto e pianoforte, in Mi bemolle maggiore (All.oViv.mo)

5. Hai la sottanna
for voice and piano, in E flat major (All.oViv.mo)

6. Nella stagion di maggio
per canto e pianoforte, in Sol maggiore (Allegretto)
Testi di autore ignoto (Gioachino Rossini?)
Composte in epoca non precisabile, probabilmente fra il 1815 e il 1822.
Autografo: Fondo Noseda, Biblioteca del Conservatorio di musica Giuseppe Verdi, Milano

Appartengono a una raccolta di 4 ariette di cui solo queste due presentano il testo, basato su un gioco di parole, probabilmente ispirate alle avventure romane carnevalesche del 1821, insieme a Paganini [1^ arietta in Sol maggiore, senza testo, per canto e pianoforte in 3/8; 2^‚ Nella stagion di Maggio per canto e pianoforte, in Sol maggiore (Allegretto); 3^ Hai la sottana per canto e pianoforte, in Mi bemolle maggiore (All.oViv.mo); 4^ per canto e pianoforte, senza testo, in La bemolle maggiore (Allegro)]

6. Nella stagion di maggio
for voice and piano, in G major (Allegretto)
Lyrics by unknown author (Gioachino Rossini?)
Composed in an unknown period, probably between 1815 and 1822
Original autography: Fond Noseda, The Library of Conservatory Giuseppe Verdi, Milan

Two “scherzi” belonging to a collection of 4 ariettes, these pieces are more than a mere play on words that brings to mind Rossini’s Roman Carnival adventures in March 1821 with Paganini [1st arietta in Sol maggiore, no text, for voice and piano in 3/8; 2nd Nella stagion di Maggio for voice and piano, in Sol maggiore (Allegretto); 3rd Hai la sottana for voice and piano, in Mi bemolle maggiore (All.o Viv.mo); 4th for voice and piano, no text, in La bemolle maggiore (Allegro)]


7. La Veuve Andalouse
Canzone spagnola per canto e pianoforte, in Do maggiore (Allegretto mosso)
Testo di Émilien Pacini
Composta intorno al 1861
Prima edizione: Escudier, Parigi 1863, con la scritta “dedié à son ami F. de Valldemosa”. Pubblicato sembra senza l’autorizzazione di Rossini
Edizione successiva: R. Stabilimento Naz. Musicale Tito di G. Ricordi, Milano, 1864: “Canzone spagnuola / parole italiane A. de Lauzières francesi Émilien Pacini spagnole D. Ventura De La Vega / cantata da Adelina Patti”.

7. La Veuve Andalouse
Spanish song for voice and piano, in C major (Allegretto mosso)
Lyrics by Émilien Pacini
Composed in 1861, circa
First edition: Escudier, Paris 1863, with the inscription “dedié à son ami F. de Valldemosa”.
Published apparently without Rossini’s authorization
Next edition: R. Stabilimento Naz. Musicale Tito di G. Ricordi, Milan, 1864: “Spanish song / Italian lyrics by A.de Lauzières French lyrics by Émilien Pacini Spanish lyrics by D.Ventura De La Vega / sung by Adelina Patti”.

8. Mi lagnerò tacendo (sopra una sola nota)
per canto e pianoforte, in Do maggiore (Espressivo)
Testo di Pietro Metastasio (dal Siroe, 1726, aria di Laodice, II/1)
Composta dopo il 1857
Trascrizione a memoria di Gaetano Braga
Manoscritto: Milano, Museo teatrale alla Scala.

Questi i versi originali metastasiani: “Mi lagnerò tacendo / Del mio destino avaro / Ma ch'io non t'ami, o caro, / Non lo sperar da me. /Crudel! in che t'offendo /Se resta a questo petto / Il misero diletto / Di sospirar per te?”

8. Mi lagnerò tacendo (sopra una sola nota)
for voice and piano, in C major (Espressivo)
Lyrics by Pietro Metastasio (from Siroe, 1726, Laodice’s aria, II/1)
Composed after 1857
Transcribed from memory of Gaetano Braga
Manuscript: Museo teatrale alla Scala, Milan

Here the Metastasian originals lyrics : “Mi lagnerò tacendo / Del mio destino avaro / Ma ch'io non t'ami, o caro, / Non lo sperar da me. /Crudel! in che t'offendo /Se resta a questo petto / Il misero diletto / Di sospirar per te?”

9. Laus Deo
per mezzosoprano, in Sol minore (Andantino)
Composto nel 1861
Riproduzione dell’autografo, con la dedica “al Piovano Arlotto / G. Rossini. / Paris - Passy - 1861”
Prima edizione: “Il Piovano Arlotto”, Guidi, Firenze 1861.

Una commemorazione - ironica - della cessazione delle pubblicazioni del mensile umoristico fiorentino “Il Piovano Arlotto: capricci mensuali di una brigata di begli umori”.

9. Laus Deo
for mezzo-soprano, in Sol minore (Andantino)
Composed in 1861
Reproduction of the original autography, with the dedication “to Piovano Arlotto / G. Rossini. / Paris – Passy – 1861”
First edition: “Il Piovano Arlotto”, Guidi, Firenze 1861.

An ironic commemoration for the cessation of publication of the monthly humor review “Il Piovano Arlotto: capricci mensuali di una brigata di begli umori” published in Florence.

10. Ave Maria (su due Note)
per contralto e pianoforte, in Mi bemolle maggiore (Andantino)
Parole di Giuseppe Torre; manoscritto del testo poetico autografo a Parigi, Fondo Rossini-Hentsch, Bibliothèque G. Mahler
Composta intorno al 1860, quasi sicuramente in origine con il testo “Mi lagnerò tacendo”
Autografo: Pesaro, Fondazione Rossini, n. 7 dell’Album italiano (primo album dei Péchés de vieillesse).

L’Album Italiano comprende pagine religiose come l'Ave Maria: dopo aver abbandonato l’idea di un Album dedicato specificamente a “Péchés religieux”, Rossini distribuì diversamente i brani religiosi composti.

10. Ave Maria (on two notes)
for contralto and piano, in E flat major (Andantino)
Lyrics by Giuseppe Torre; poetic text’s autographed manuscript in Paris, Fond Rossini-Hentsch, Bibliothèque G. Mahler
Composed in 1860, circa, perhaps originally with the lyrics “Mi lagnerò tacendo”
Original autography: Pesaro, Rossini Foundation, n. 7 of the Album italiano (first album of Péchés de vieillesse)

The Album italiano includes some religious pieces as the Ave Maria: after abandoning the idea of an album dedicated specifically to “Péchés religieux”, Rossini distributed differently composed religious songs.


11. Francesca da Rimini - “Farò come colui che piange e dice”
Recitativo ritmato per canto e pianoforte, in Si bemolle maggiore (Andantino mosso) con dedica “A Milord Vernon / Il suo Candido Estimatore / Gioachino Rossini”
Testo di Dante Alighieri (Divina Commedia, Inferno, canto V, 127-138)
Composto nel 1848p
Prima edizione: Stabilimento De Giorgi, Milano, 1848p.

11. Francesca da Rimini - “Farò come colui che piange e dice”
Recitativo ritmato for voice and piano, in Si bemolle maggiore (Andantino mosso) with the dedication “A Milord Vernon / Il suo Candido Estimatore / Gioachino Rossini”.
Lyrics by Dante Alighieri (Divina Commedia, Inferno, canto V, 127-138)
Composed in 1848p
First edition: Stabilimento De Giorgi, Milan, 1848p.

12. Mi lagnerò tacendo
per soprano e pianoforte, in Si bemolle maggiore (Allegretto)
Testo di Pietro Metastasio (dal Siroe, 1726, aria di Laodice, II/1)
Composta nel 1845
Autografo: Firenze, Biblioteca del Conservatorio di Musica "L. Cherubini", con la scritta: “G. Rossini / Bologna 26 Maggio / 1845”.

“Prima la musica, poi le parole” Rossini ha musicato piú volte i versi metastasiani basati sull’ossimoro “mi lagnerò tacendo”, trovando ogni volta una nuova e diversa suggestione ritmica, armonica, melodica.

12. Mi lagnerò tacendo
for voice and piano, in Si bemolle maggiore (Allegretto)
Lyrics by Pietro Metastasio (from Siroe, 1726, Laodice’s aria, II/1)
Composed in 1845
Original autography: The Library of Florence Conservatory, with the inscription: “G. Rossini / Bologna 26th May / 1845”.

“First the Music, then the words”. Almost as if to demonstrate this idea, Rossini composed music on several occasions for Metastasio’s verses based on the oxymoron “mi lagnerò tacendo”, each time finding a new rhythmic, harmonic, and melodic sensation.

13. Barcarolle
per canto e pianoforte, in La bemolle maggiore (Allegretto moderato)
Testo di autore ignoto
La stessa musica anche su altro testo di Francesco Maria Piave, Anzoleta avanti la regata (n. 8 dell’Album italiano), probabilmente posteriore alla Barcarolle.
Composta nel 1858.
Autografo: Parigi, Bibliothèque-Musée de l’Opera, con la dedica “Barcarolle / offerte / a / Mad.me Grasset de Langeac née Marie Thierry / par son ami / Gioachino Rossini / Passy, ce 17 Août 1858”.

13. Barcarolle
for voice and piano, in La bemolle maggiore (Allegretto moderato)
Lyrics by unknown author
The same music is used with other lyrics by Francesco Maria Piave, Anzoleta avanti la regata (n. 8 of Album italiano), which was probably written after Barcarolle.
Composed in 1858.
Original autography: Paris, Bibliothèque-Musée de l’Opera, with the dedication Barcarolle / offerte / a / Mad.me Grasset de Langeac née Marie Thierry / par son ami / Gioachino Rossini / Passy, ce 17 Août 1858”.

14. A ma belle mère – Requiem
per contralto e pianoforte, in La minore (Andante)
Testo liturgico
Composto nel 1859
Autografo: Pesaro, Fondazione Rossini, n. 4 dell’album Miscellanée de musique vocale (undicesimo album dei Péchés de vieillesse), firmato “G. Rossini. Passy 19 Août 1859” "; esiste altro autografo con la dedica "Offert à mon aimable ami A. Depeellaert [sic], G. Rossini. Paris ce 21 Avril 1861" a Bruxelles, Bibliothèque du Conservatoire.

In questo omaggio "alla suocera" si intravede una carezza alla madre, Anna Guidarini, alla quale Gioachino fu profondamente legato.

14. A ma belle mère – Requiem
for contralto and pianoforte, in La minore (Andante)
Sacred lyrics
Composed in 1859
Original autography: Pesaro, Rossini Foundation, n. 4 of the album Miscellanée de musique vocale (eleventh album of Péchés de vieillesse), signed “G. Rossini. Passy 19 Août 1859”; there is another original autography original with the dedication "Offert à mon aimable ami A. Depeellaert [sic], G. Rossini. Paris ce 21 Avril 1861" in Bruxelles, Bibliothèque du Conservatoire.

In this homage to his “mother-in-law" it is possible to perceive a caress to his mother, Anna Guidarini, which he was deeply bound.

15. Le Lazzarone - Chansonette de Cabaret
Bozzetto per baritono e pianoforte, in La minore (Allegretto brillante), in chiave di violino
Testo di Émilien Pacini
Composto entro il 1866
Prima esecuzione: a Parigi, in casa Rossini, il 31 marzo 1866, cantato da Enrico Augusto Delle Sedie, alla presenza di Franz Listz.
Autografo: Pesaro, Fondazione Rossini, n. 8 dell’Album français (secondo album dei Péchés de vieillesse)

A ritmo di tarantella, un inno alla bella vita dei napoletani così come poteva immaginarla un autentico francese come émilien Pacini figlio di un napoletano: qualche luogo comune, un po’ di nostalgia, e soprattutto il desiderio di offrire al musicista un abile pretesto per un frizzante quadretto di genere.
Il tema compariva già nel Concertato lento del finale primo dell’Ermione (1819) che vide protagonista la prima moglie, Isabelle Colbran.

15. Le Lazzarone – Chansonette de Cabaret
for baritone and piano, in La minore (Allegretto brillante) in treble clef
Lyrics by Émilien Pacini
Composed in 1866
First performance: in Rossini’s home in Paris on March 31, 1866, sung by Enrico Augusto Delle Sedie, in the presence of Franz Listz.
Original autography: Pesaro, Rossini Foundation, n. 8 dell’Album français (second album of Péchés de vieillesse)

Only a true Frenchman such as émilien Pacini, the son of a Neapolitan, could have penned such a celebration of the Neapolitans’ zest for life to the rhythm of the tarantella. The lyrics contain a few clichés, some nostalgia, but above all, they provide Rossini with a clever pretext to create a vivacious scenario in the genre.
Rossini used a theme from his opera Ermione which premiered in Naples (1819), that saw his first wife, Isabella Colbran as the protagonist.

16. Mi lagnerò tacendo
per contralto e pianoforte, in Mi maggiore (Andantino)
Testo di Pietro Metastasio (dal Siroe, 1726, aria di Laodice, II/1)
Composta nel 1857
Autografo: Pesaro, Fondazione Rossini, I dell’album Musique anodine

16. Mi lagnerò tacendo
for contralto and piano, in Mi maggiore (Andantino)
Lyrics by Pietro Metastasio (from Siroe, 1726, Laodice’s aria, II/1)
Composed in 1857
Original authography: Pesaro, Rossini Foundation, I of the album Musique anodine

17. Mi lagnerò tacendo
per mezzosoprano e pianoforte, in Si bemolle maggiore (Andantino moderato)
Testo di Pietro Metastasio (dal Siroe, 1726, aria di Laodice, II/1)
Composta nel 1857
Autografo: Pesaro, Fondazione Rossini, IIIII dell’album Musique anodine

17. Mi lagnerò tacendo
for mezzo-soprano and piano, in B flat major (Andantino moderato)
Lyrics by Pietro Metastasio (from Siroe, 1726, Laodice’s aria, II/1)
Composed in 1857
Original autography: Pesaro, Rossini Foundation, IIIII of the album Musique anodine

18. Mi lagnerò tacendo
per soprano e pianoforte, in Do maggiore (Andantino moderato)
Testo di Pietro Metastasio (dal Siroe, 1726, aria di Laodice, II/1)
Composta nel 1857
Autografo: Pesaro, Fondazione Rossini, III dell’album Musique anodine

L’album Musique Anodine fu dedicato da Rossini a sua moglie Olympe Pellissier nel giorno del suo onomastico:"J'offre ces modestes Mélodies à ma chère femme Olimpe [sic] comme simple témoignage de reconnaissance pour les soins affectueux intelligens [sic]qu'elle me prodigué dans ma trop longue et terrible maladie (Opprobre de la faculté) / Gioachino Rossini / Paris ce 15 Avril 1857 " (tredicesimo album dei Péchés de vieillesse).

18. Mi lagnerò tacendo
for soprano and piano, in Do maggiore (Andantino moderato)
Lyrics by Pietro Metastasio (from Siroe, 1726, Laodice’s aria, II/1)
Composed in 1857
Original autography: Pesaro, Rossini Foundation, III of the album Musique anodine

Rossini dedicated the album Musique anodine to his second wife Olympe Pellissier on his name-day:"J'offre ces modestes Mélodies à ma chère femme Olimpe [sic] comme simple témoignage de reconnaissance pour les soins affectueux intelligens [sic] qu'elle me prodigué dans ma trop longue et terrible maladie (Opprobre de la faculté) / Gioachino Rossini / Paris ce 15 Avril 1857 " (thirteenth album dei Péchés de vieillesse).

19. Ariette à l’ancienne
per canto e pianoforte, in Fa diesis minore (Andantino mosso)
Testo di Jean-Jacques Rousseau (da Les consolations des misères de ma vie)
Composta entro il 1858
Prima esecuzione: probabilmente a Parigi, in casa di Rossini, il 22 gennaio 1859, cantata dal contralto Adelaide Borghi Mamo.
Autografo: Pesaro, Fondazione Rossini, n. 11 dell’album Morceaux réservés (terzo album dei Péchés de vieillesse). Da questo autografo venne tratta una copia, conservata a Bologna ( Civico Museo Bibliografico Musicale), con la scritta autografa: “Ariette a l’ancienne (Paroles de Jean Jacques Rousseau) / offerte a / Mad.me Borghi Mamo par / son ami / G. Rossini / Paris ce 30 Nov.re 1858”.

19. Ariette à l’ancienne
for voice and piano, in F diesis minore (Andantino mosso)
Lyrics by Jean-Jacques Rousseau (from Les consolations des misères de ma vie)
Composed no later than 1858
First performance: probably in Rossini’s home in Paris on January 22, 1859, sung by contralto Adelaide Borghi Mamo.
Original autography: Pesaro, Rossini Foundation, n. 11 of the album Morceaux réservés (third album of the Péchés de vieillesse). A copy of the original autography original is conserved in the Music Library of the Musical Museum in Bologna, with the autographed dedication: “Ariette a l’ancienne (Lyrics by Jean Jacques Rousseau) / dedicated to / Madame Borghi Mamo by / her friend / G. Rossini / Paris, 30th Nov., 1858”.


20. Beltà crudele. Nuova melodia
per canto e pianoforte (Maestoso)
Testo di Nicola di Santo-Mango
Prima edizione: B. Girard e C., Napoli [18..] presso la Biblioteca del Conservatorio di musica San Pietro a Majella, Napoli.
Ne esiste una versione autografa precedente: Forlì, Fondo Piancastelli, con la dedica “All’amico Castelnuovo / Rossini, lì 10 marzo 1821”. Altro autografo, in versione abbreviata, a Parigi, Biblioteca del Conservatorio, con la dedica “Offert à Mad. Thomas par Rossini” e la data “Avril 1829”.

20. Beltà crudele. Nuova melodia
for voice and piano (Maestoso)
Lyrics by Nicola di Santo-Mango
First edition: Girard, Naples [18..] in San Pietro a Majella Conservatory, Naples

There is a previous original autographed version: Forlì, Fondo Piancastelli, with the dedication: “All’amico Castelnuovo / Rossini, lì 10 marzo 1821”. Another autographed abbreviated version is in the Paris Conservatory Library, with the dedication ““Offert à Mad. Thomas par Rossini” with the date “Avril 1829”.

21. La partenza
per soprano e pianoforte (Andantino)
Testo di anonimo
Composta fra il 1830 e il 1832
Prima edizione: Artaria, Milano 1832 ca.

Versione italiana della canzonetta spagnola, da non confondere con la terza arietta delle Soirées musicales, fu pubblicata come n. 30 de ”Il Trovatore Italiano. , Raccolta di Ariette, Romanze, Canzoncine, Duettini, Notturni,&hellep; espressamente composte da vari autori, nel 1832 ca.; editori Epimaco e Pasquale Artaria, negozianti di Musica, Stampe e Carte Geografiche a Milano”. Successivamente la collana fu rilevata da Giovanni Ricordi, che nel 1840 la ripubblicò assegnandole il numero di catalogo 11723.

21. La partenza
for soprano and piano (Andantino)
Lyrics by unknown author
Composed between 1830 and 1832
First edition: Artaria, Milan, 1832 circa

Italian version of Spanish song – not to be confused with the third arietta of Soirées – published as n. 30 in “Il Trovatore Italiano, Raccolta di Ariette, Romanze, Canzoncine, Duettini, Notturni,&hellep; expressly made by various authors, in 1832 circa; publishers Epimaco and Pasquale Artaria, Music, Prints and Maps merchants in Milan”. The collection was bought by Giovanni Ricordi, who in 1840 republished it with catalog number 11723.

22. La légende de Marguerite
per canto e pianoforte, in Mi minore (Andantino)
Testo di N. Cimbal
Editore: Maeyens-Couvreur, Paris [18..], Biblioteca del Conservatorio di musica San Pietro a Majella, Napoli

Parafrasi francese della canzone di Angelina “Una volta c’era un Re” dall’opera La Cenerentola (1817)

22. La légende de Marguerite
For voice and piano, in E minor (Andantino)
Lyrics by Anonymous (N. Cimbal?)
Editor: Maeyens-Couvreur, Paris [18..], San Pietro a Majella Conservatory, Naples

French paraphrases of Angelina’s aria “Una volta c’era un Re” from the opera La Cenerentola (1817)

23. Mi lagnerò tacendo
per canto e pianoforte, in La bemolle maggiore maggiore (Allegretto)
Testo di Pietro Metastasio (dal Siroe, 1726, aria di Laodice, II/1)
Composta nel 1852
Autografo: Cambridge (Massachusetts), The Houghton Library, Harvard University, con la scritta “Firenze 29 Febr.o 1852 / Gioachino Rossini”.

Composta nel giorno del compleanno bisestile di Rossini, fu inclusa in un secondo momento nell’album Musique Anodine dedicato da Rossini a sua moglie Olympe (IIIIIIa - tredicesimo album dei Péchés de vieillesse).

23. Mi lagnerò tacendo
For voice and piano, in A flat major (Allegretto)
Lyrics by Pietro Metastasio (from Siroe, 1726, Laodice’s aria, II/1)
Composed in 1852
Original autography: Cambridge (Massachusetts), The Houghton Library, Harvard University, with the phrase “Florence Feb. 29, 1852 / Gioachino Rossini”.

Composed in the Rossini’s leap year birthday,
this aria was included later in the album Musique Anodine dedicated by Rossini to her wife Olympe (IIIIIIa, thirteenth album dei Péchés de vieillesse).



Gioachino Rossini



Rossini Design by Guglielmo De Sanctis, 1862


Villa Rossini, Passy, France
Rossini’s House, Passy


Villa Rossini, Passy, France
Rossini’s Apartment, Boulevard des Italiens corner Chaussée d’Antin, Paris


“La soirée” March 31<sup>st</sup> 1865
“Soirée” March 31st, 1865



“Soirée” March 17th, 1866